E pensare che fino a qualche anno fa tutto avrebbe immaginato tranne di diventare uno degli immobiliaristi più famosi d’Italia. Già, perché Gianluca Torre oggi è uno dei protagonisti della trasmissione “Casa a prima vista” di Real Time (lo show in cui tre agenti immobiliari si sfidano in ogni puntata per trovare l’abitazione migliore per i loro clienti), ma è entrato in questo campo solo recentemente. Scopriamo meglio chi è Gianluca Torre di “Casa a Prima Vista” e come è arrivato a questa trasmissione.

Scopri gli altri immobiliaristi di “Casa a Prima Vista”:
Ida Di Filippo
Mariana D’Amico
Blasco Pulieri
Corrado Sassu
Nadia Mayer

UN PASSATO NELLA PUBBLICITÀ WEB

La storia di Gianluca Torre è di quelle da raccontare per come sia sempre possibile reinventarsi. Oggi, a 54 anni, è Real Estate Consultant presso Engel & Völkers Milano Residential, ma ci è arrivato dopo tante carriere diverse.
Dopo il diploma al liceo Gonzaga a Milano, nel 1993 si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Poi si è avvicinato al mondo della pubblicità al punto che nel 1997 si è iscritto nell’albo dei pubblicitari italiani. Da subito riesce ad imprimere il suo marchio in diverse aziende e agenzie pubblicitarie italiane.
Dal 1997 al 2002 ha lavorato prima come Sales Manager presso Sma.net per poi specializzarsi in pubblicità su Internet presso Adline, una delle internet advertising company degli albori del web. Erano anni in cui internet iniziava a diffondersi e la pubblicità sulla rete era un mondo tutto da scoprire. Gianluca Torre ne comprende subito le potenzialità e nel 2002 co-fonda e dirige Adsolutions srl, contribuendo alla crescita dell’azienda nel campo della pubblicità in-store, nei centri commerciali e su Internet. In questa azienda ha ricoperto molti ruoli: direttore commerciale, consigliere delegato, responsabile marketing, dirige la rete vendite e i rapporti con gli headquarter dei principali centri media e top client. 

DOPO LA PUBBLICITÀ, GLI EVENTI

Nel 2013 un’altra svolta e Torre fonda ConSenso, concentrandosi sull’intrattenimento e contenuti brandizzati, eventi aziendali, sponsorizzazioni e ospitalità. Ha creato un’armoniosa connessione tra comunicazione e intrattenimento, permettendo alle aziende di veicolare messaggi in contesti di svago e condivisione, interagendo con il loro pubblico in modo più diretto e coinvolgente. Questa avventura è durata fino al 2018 quando entra nel mondo del Real Estate. Grazie alla sua esperienza pluriennale nella comunicazione, Gianluca ha trovato un terreno fertile per mettere in pratica le sue competenze, unendo la passione per le case al suo background di comunicatore. Entrato a far parte del team di Engel & Völkers Milano Residential, si è rapidamente distinto come uno dei top performer dell’azienda nella sede di Porta Romana, ottenendo risultati straordinari in breve tempo.

L’AMORE PER LE CASE NATO PER CASO

Per lui che fino a 49 anni faceva tutt’altro, non si può dire che volesse fare l’agente immobiliare sin da bambino, ma la passione per il bello e per un certo tipo di case c’è sempre stato, solo che lo faceva per hobby:

«È così che è nata la passione per questo lavoro.  Prendevo una casa e vedevo se una volta rimessa in ordine poteva interessare. Lo facevo nel tempo libero»

Il passaggio alla vendita di abitazioni è stato naturale e in breve tempo si è distinto proprio grazie alle competenze precedenti. Anche quel suo parlare con termini inglesi o slang rientra in un quadro da comunicatore. Gianluca Torre parla tre lingue oltre all’italiano (inglese, francese e spagnolo) e utilizza termini come vibe, skyline o living per fare maggiormente colpo, ma senza forzature: «Sembra retorico, ma il segreto è essere naturali. E io sono così come mi si vede sui social. Il troppo pettinato saprebbe di fake».
La sua clientela è molto varia ed è di altissimo livello, anche perché, spiega, Milano è diventata attrattiva per gli stranieri facoltosi soprattutto dopo l’Expo che ha ospitato qualche anno fa. L’arrivo delle prossime Olimpiadi invernali (Milano-Cortina), poi, fanno il resto e di conseguenza sono tantissimi gli stranieri che vogliono acquistare a Milano e lui è perfetto per questo: «Si va dalla famiglia italiana che rincasa dall’estero dopo anni, all’imprenditore fino a volti noti della tv o dello spettacolo». E fa un nome specifico: 

«Stefano Accorsi. Mi ha chiamato presentandosi. Ma non avevo pensato potesse essere davvero lui. Alla fine il giorno del rogito ci siamo fatti un selfie»

L’ALTRA GRANDE PASSIONE DI GIANLUCA TORRE

Con il successo di “Casa a Prima Vista”, inaspettato, Gianluca Torre ha scoperto una notorietà che lo rende felice anche perché ora può far conoscere anche la sua altra grande passione, la musica, che coltiva prendendo lezioni di canto ed esibendosi in diversi locali di Milano.

Per questo ha reimpostato anche la sua attività sui social media visto che prima aveva i profili privati, mentre ora li ha aperti e cura la sua immagine. A inizio 2024, su instagram (gianlucatorre01) ha ben 213.000 followers, moltissimi. Le case da vendere non gli mancano, soprattutto ora che tutti quelli che si rivolgono all’agenzia vogliono essere gestiti da lui, ma lui, che vive da solo in una casa di proprietà in una zona né centrale né periferica, non può definirsi ricco: «Diciamo che non posso permettermi le case che vendo».

È nel campo relativamente da poco, ma è già diventato un big del settore e per questo sente di poter dare consigli a chi vuole iniziare questo lavoro: 

«Un consiglio per chi vuole diventare un agente immobiliare? Studiare bene le normative, essere pazienti e determinati e ambire alla soddisfazione dei propri clienti».

E soprattutto la lezione più importante: si può sempre cominciare una nuova vita e una nuova carriera, anche quando si è più avanti con l’età. Probabilmente si sarebbe fatto una risata se nel 2014, ad esempio, gli avessero detto che avrebbe prima fondato una sua società di eventi e che poi sarebbe diventato agente immobiliare e star della tv. Nel 2014 aveva 45 anni, quanti a quell’età si sentono già arrivati come se ormai non ci fosse più il tempo per fare nulla? 

Fonti: Vanity Fair, Corriere della Sera, Immobiliare.it. Foto: Real Time

© Riproduzione riservata.