Domanda: Sono anziano e fatico a camminare. Vorrei fare una passeggiata all’aperto ma non ce la faccio, come posso fare?

Per tenere in forma il nostro organismo bisogna fare una qualche attività fisica ma se non ce la facciamo? A volte, per l’età o per qualche impedimento fisico, non è così facile andare in palestra o a fare una passeggiata all’aperto e quindi? Non possiamo arrenderci, mai, piuttosto dobbiamo trovare una soluzione. E noi siamo qui per questo: impariamo a camminare dentro casa. Ci sono due sistemi molto semplici: il tapis roulant o la camminare fra i mobili.

Per un allenamento più completo, invece, puoi seguire la nostra guida per realizzare la tua palestra personale in casa.

IL TAPIS ROULANT

Ci sono tapis roulant di due tipi: magnetico (è la vostra camminata a muovere il rullo, costa di meno, è meno ingombrante e forse leggermente più faticoso) ed elettrico (impostate la velocità e il rullo si muove con voi che dovete seguire il rullo, costa di più, è più facile). Per la corsa è quasi sempre consigliabile quello elettrico perché permette anche di correre mentre con il magnetico la corsa è quasi impossibile perché il rullo si muove solo con l’azione del piede e non perché c’è un motore che lo muove. Decathlon ha realizzato un video con le indicazioni per scegliere quello giusto:

Contrariamente a quello che si può pensare, ci sono tapis roulant per tutte le tasche. Ci sono quelli professionali come i seguenti che danno tante opportunità e accessori:

Domyos 540C: € 599,00 (più venduto)

Domyos Intense run: € 1.199,00 (ideale per un uso intensivo fino a 35h a settimana)

Nordictrack X9I: € 2.499,00 (compatibile con l’app iFit ha 44 programmi preinstallati per ottimizzare gli allenamenti)

Ci sono però anche tanti altri tapis roulant più economici che, diciamocelo, alla fine vanno bene per chiunque non cerchi un allenamento professionale. È chiaro che se fai un allenamento di 8 ore di seguito, tutti i giorni (perché magari lo usi in più persone) e con pendenze, difficoltà e velocità diverse allora ti serve qualcosa di professionale, ma per una corsa di 1 ora a una velocità fra i 2 e i 5 chilometri orari e non tutti i giorni, allora va bene anche altro.
Eccone alcuni:

LA CAMMINATA DENTRO CASA

E poi c’è la camminata dentro casa fra i mobili. È chiaro che serve quanto meno un bilocale perché all’interno di un monolocale da 25 mq diventa tutto più difficile, anche se è fattibile. In pratica si tratta di fare una passeggiata su e giù facendo uno slalom fra mobili, poltrone, sedie, tavolo, e qualunque altro oggetto vogliate mettere nel corridoio, in salone e nelle camere per allungare il giro. Il concetto è questo:

IL CONSIGLIO CONTRO LA NOIA PER CAMMINARE DENTRO CASA

Quando usciamo di  casa, quanto meno camminiamo per andare a prendere i mezzi, l’auto, per recarci a lavoro o per fare shopping o andare al parco con gli amici. Non è sufficiente: per avere un effetto bisognerebbe cominciare a sudare almeno un po’ quindi se non si punta sulla velocità, almeno c’è da puntare sulla durata. Restando dentro casa può sopraggiungere la noia: all’esterno ci sono gli amici, i negozi, le distrazioni, ma in casa? Alcuni tapis roulant hanno un monitor oppure si collegano con il tablet dove si può scaricare una app che mostra una specie di percorso, come se stessimo camminando sul serio. La cosa più semplice, però, è quella di piazzare il tapis roulant davanti alla tv e di farlo mentre guardi un programma che ami e che ti distragga. L’importante è che ti distragga. 

Stessa cosa con la camminata fra i mobili, falla mentre ascolti la musica, mentre guardi la tv, mentre parli con qualcuno. La distrazione ti aiuterà a non annoiarti. In quest’ultimo caso, inoltre, è importante che il percorso che stabilirai non sia un rettilineo, ma fatto a ostacoli: più sarà tortuoso (anche in altezza, ad esempio potresti salire su uno sgabello o su una scala interna) e meno sarà noioso.

 

Foto di StockSnap (Pixabay)

quootip | back to top