Conosci la storia di PEPPA PIG? Ecco l’origine di un mito

Sei in: Home > Conoscere > Storia > Conosci la storia di PEPPA PIG? Ecco l’origine di un mito

Clicca per ascoltare l'articolo.

Ha dominato gli ultimi anni nel campo dell’intrattenimento per bambini, Peppa Pig è stato e per molti lo è ancora il personaggio più amato dai bambini. L’allegra maialina e tutta la sua famiglia e i suoi amici hanno cresciuto generazioni di bambini ed è interessante conoscere che non è nata per caso e che la storia di Peppa Pig è molto affascinante. Chi c’è dietro questo fenomeno che ormai ha superato i confini del “cartone animato per bambini”?

TUTTO COMINCIA IN UN PUB

La storia di Peppa Pig parte nel 1999 quando tre amici londinesi siedono in un pub alla ricerca di quell’idea geniale che possa svoltare le loro carriere. Sono Phil Davies, Mark Baker e Neville Astley che non erano tutti esperti del settore: Phil gestiva il dipartimento di animazione della Middlesex University di Londra, Neville era un suo allievo promettente e Mark insegnava animazione alla National Film and Television School di Beaconsfield. All’improvviso ai tre venne in mente l’idea giusta:

«Un animale evita ogni problema di razza, classe ed estrazione e perché no femmina. E il nome? Peppa perché sarà intelligente e pepata».

Il trio si mette subito al lavoro e comincia a sviluppare l’idea che troverà uno spazio sulla Bbc negli anni successivi.

DAL FLOP AL SUCCESSO

Per i tre sembra che il successo sia alle porte e invece la tv pubblica britannica manda gli episodi a orari diversi e il pubblico non si affeziona. Rifiutando di passarle nelle tv asiatiche (dove finiscono tutti i cartoni animati all’inizio) i tre si armano di pazienza e cominciano a proporre il cartone in giro.
La prima puntata va in onda il 31 maggio del 2004 ed è l’inizio del lungo cammino che porterà Peppa Pig a diventare un fenomeno internazionale. Basti pensare che è arrivato a fruttare utili di oltre 70 milioni di sterline britanniche alla società dei tre ragazzi e un giro d’affari di 300 milioni solo nel Regno Unito.
Chissà se i tre ragazzi, che si sono conosciuti nel 1980, immaginavano che quell’idea nata in un pub londinese potesse arrivare a tanto. 

IL SEGRETO DEL SUCCESSO

Intorno al fenomeno si sono scomodati fior di studiosi e di sociologi che hanno tirato fuori le più svariate teorie ma sicuramente convengono sul fatto che Peppa riesca a mostrare storie e comportamenti che i bambini riconoscono perché collegati alla vita quotidiana. Una famiglia, quella di Peppa, dove il padre cucina, la madre lavora da casa, ordinano mobili e altre cose su internet, e hanno problemi comuni a ogni bambino nel mondo. Il tutto in soli 5 minuti per ogni episodio: lunghezza perfetta per un mondo che va di corsa.
In Italia è arrivata nel 2010 e anche se in calo, ci sono comunque numeri altissimi negli indici di gradimento, almeno è quanto sostengono gli esperti del settore!

I DOPPIATORI ITALIANI

• Peppa (Tatiana Dessi). Nata a Roma il 13 ottobre 1965 oltre a Peppa doppia anche tantissimi altri personaggi tra cui Kitty di “Hello Kitty”, Icy di “Winx club”, Anastasia in “Cenerentola 2” e anche Martin in “Il Segreto” e anche tanti film: da Hilary Swank in “Boys don’t cry” a Nia Vardalos in “Il mio grosso grasso matrimonio greco”.

Tatiana Dessi

Tatiana Dessi (antoniogenna.net)

• George (Barbara Pitotti). Nata a Roma il 29 marzo 1973 ha doppiato, tra i vari, Gwen in “Ben10”, Olesya Rulin in “High School Musical 2 e 3”. 

Barbara Pitotti

Barbara Pitotti (antoniogenna.net)

• Mamma Pig (Monica Gravina). Nata a Roma il 5 agosto 1959 ha dato la voce a moltissime attrici come Linda Blair in “L’esorcista”, Amanda Peterson in “Playboy in prova”, Natja Brunckhorst in “Cristiana F. – Noi dello zoo di Berlino”, Vivian El Jaber (Dorina) in “Il mondo di Patty” e tante altre.

Monica Gravina

Monica Gravina (antoniogenna.net)

• Papà Pig (Paolo Marchese). Nato a Torino il 23 novembre 1964 ha doppiato molte star di Hollywood come John Travolta, Richard Dreyfuss, Jeff Daniels, Philip Seymour Hoffman, Dan Aykroyd e molti altri.

Paolo Marchese

Paolo Marchese (antoniogenna.net)

 

Foto: fredrikwandem (Pixabay)

© Riproduzione vietata.
Consigli
CI TENIAMO ALLA TUA PRIVACY
Noi e i nostri fornitori selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Questo vale anche per la pubblicità dove noi e terze parti selezionate facciamo uso di queste tecnologie per raccogliere informazioni utili al fine di migliorare il servizio. La pubblicità sul sito è studiata per non apparire visivamente invasiva e per essere il più utile possibile.
Per ulteriori informazioni, leggi la nostra cookie policy. Puoi liberamente negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccando su personalizza, cliccando sulla x accetti la navigazione nel sito con i cookie tecnici, mentre se vuoi dare il tuo consenso clicca su accetta.
Puoi liberamente cambiare idea in qualsiasi momento.
quootip | back to top