JORIT: Chi è lo street artist italiano che si studia a scuola

Cos’hanno in comune Raffaello, Botticelli, Michelangelo con Banksy e con Ciro Cerullo, 30 anni di Quarto, noto a tutti come Jorit? Che tutti sono inseriti all’interno dei manuali di storia dell’arte per la quinta superiore.
Banksy e Jorit sono stati inseriti nel manuale perché considerati fra i migliori esponenti della street art, la forma d’arte che non usa tele per i suoi quadri, ma muri, serrande, tutto ciò che si trova nel mondo. Questa è la filosofia della street art: il mondo intero è una tela da dipingere.

Ads

Se tutti conoscono Banksy e le sue opere, però, non tutti conoscono i lavori di Jorit. O forse sì, solo che non sanno che dietro quei capolavori c’è proprio lui. È l’artista del ritratto di Maradona alto 15 metri del quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio, al San Gennaro nel centro antico, di quello di Yuri Gagarin a Onitsovo vicino Mosca, a quello di Gramsci di Firenze. Le sue opere sono sui palazzi di mezzo mondo, da Buenos Aires a New York, dal Cile alla Cina, dalla Tanzania alla Palestina, e chiunque voglia realizzare qualcosa di speciale lo contatta per una sua opera muraria. Hanno scritto su di lui le più grandi testate giornalistiche internazionali dal The Guardian alla BBC.

Ahed Tamimi 001.jpeg

Foto: JJ Merelo (wikicommons)

Come Banksy, anche Jorit realizza opere con un messaggio sociale. Dipinge personaggi che hanno lottato per i diritti civili o leader politici. La street art non è solo scritte e messaggi lasciati con lo spray sui muri, nel loro caso è arte. E l’arte che non manda messaggi e non fa emozionare, non assurge al suo compito. Ovvia la sua soddisfazione, riportata dal “Corriere della sera”:

«Sono emozionato e felice di finire in un manuale scolastico insieme a Banksy e Blu, due grandi maestri. Artisti schierati come lo sono anch’io, anche se l’arte deve sempre restare una spanna sopra la politica»

Giovanissimo (è nato il 24 novembre 1990) , ha cominciato prestissimo a farsi conoscere: le prime opere arrivano nel 2005 con una serie di graffiti realizzati a Napoli per poi girare il mondo per imparare tecniche e perfezionare il suo stile anche sfruttando le Yard (i depositi dei treni dove i writer dipingono in maniera illegale su di essi).
Dal graffitismo puro passa a uno stile diverso, più profondo e con sensibilità anche grazie al suo attivismo politico. Cominciano a parlare di lui anche critici e i musei organizzano delle mostre con le sue opere: il MACRO di Roma, il MAGMA e il PAN di Napoli, ma anche Londra, Berlino, Sydney ecc.
Una curiosità: nei suoi murales, Jorit nasconde delle scritte, parole e frasi che ampliano il significato delle opere.

Ads

Ecco una gallery con alcune sue opere:

 

Foto: @jorit (Instagram)

Ads

Start typing and press Enter to search

quootip | back to top