Domanda: Le provo tutte per dormire, e non sempre ci riesco. Ma come fanno i soldati?

La domanda non è sbagliata:  se tu non riesci a dormire in casa, al calduccio, come fanno i soldati in trincea? Usano sonniferi? No, usano una strategia rivelata dal libro “Relax and Win: Championship Performance”. Questa tecnica è stata usata in passato dai soldati americani per riposarsi quando ne avevano bisogno nelle situazioni più complicate e funzionava in 96 casi su 100 dopo sei settimane di esercizio. 

Si basa tutto sulla visualizzazione, una tecnica che viene usata da moltissime meditazioni e dalla mindfulness. Non bisogna avere grande immaginazione o chissà quale capacità, è adatta a tutti.

  1. Innanzitutto mettiti a letto, comodo, trova la posizione perfetta, senza alcuna distrazione, o almeno il più possibile. Questo vale soprattutto per le prime volte, poi quando si impara a farla, la si può svolgere ovunque.
  2. Chiudi gli occhi e inizia a respirare con calma. 
  3. La prima cosa da fare è rilassare i muscoli del viso inclusi la lingua, la mascella e l’area intorno agli occhi. Puoi proprio immaginarti una sequenza e ogni volta focalizzati su quella parte: la fronte, le sopracciglia, le palpebre, gli occhi, il naso, le labbra, le guance, il mento, la mascella ecc.
  4. Poi rilassa le spalle e le braccia che vanno distese lungo i fianchi una per volta.
  5. Concentrati ulteriormente sulla respirazione da fare profondamente lasciando che il respiro salga e scenda lungo il corpo distendendo anche le gambe. Bisogna focalizzarsi sul respiro per evitare che la mente ci distragga. 
  6. Dopo qualche minuto sarai rilassato e potrebbe arrivare il sonno. 
  7. Ora aiutati con la visualizzazione: quando stai respirando, immagina di essere su una barca in un lago con la testa verso il cielo dove non c’è neanche una nuvola. Oppure ripetiti “non pensare” per almeno 10 secondi.

 

Foto: Pixabay (Pexels)

quootip | back to top