play iconClicca per ascoltare l'articolo.

Domanda: Dovrei cambiare il mio vecchio materasso ma quando vado al negozio ce ne sono di tanti tipi. Cosa devo sapere prima di acquistare un nuovo materasso?

Più o meno funziona così. Un giorno decidi di cambiare il tuo materasso per un qualsiasi motivo. Vai in un negozio specializzato e ti riempiono di chiacchiere. A te sembrano tutti uguali, e ti fidi. Scegli quello che ti consigliano, poi lo porti a casa, lo metti nel letto e… zac! Forse non è stata la scelta giusta. Acquistare un materasso non è complicato, ma soprattutto se sei ben informato!

Consigli
LE DOMANDE DA PORSI PRIMA DI ACQUISTARE UN MATERASSO

Partiamo dal presupposto che non esiste il materasso perfetto per tutti e che la scelta è molto soggettiva e dipende da:

– Il tipo di materasso a cui sei abituato: È duro o morbido? È Memory Foam o no? Ci dormi bene o ti svegli col mal di schiena? In questi casi, cambiare tipologia di materasso può avere senso se quello attuale non va bene, altrimenti è meglio non cambiarlo.
– Il tuo peso: Ad esempio se si pesa fra i 40 e i 70 chili va bene un Memory Foam da 6 a 10 cm. Se si è sovrappeso sarebbe preferibile un materasso rigido (a molle), almeno 800 molle, o con una lastra in gel rinfrescante, e non un materasso in lattice.
– La posizione: Come sei abituato a dormire? Su un fianco? Supino? I Memory Foam vanno bene per tutte le posizioni, mentre quelli duri sono meno adatti a chi dorme su un gianco.
– La tollerabilità del calore: Se soffri tanto il caldo è meglio il materasso in lattice, mentre è sconsigliato il Memory Foam. Meglio invece quelli con lastra in gel rinfrescante.
– Le allergie: Se soffri di allergie è meglio evitare i materassi in lattice naturale o in schiuma che sono amati dagli acari specie in ambienti umidi.
– La dimensione del letto: Una volta c’erano una piazza, una piazza e mezza e due piazze. Oggi i letti hanno misure diverse (quelli dell’Ikea, ad esempio, hanno misure tutte loro). Quindi prima di scegliere un materasso, prendi le misure della rete.
– Lo spessore: I materassi possono essere più o meno spessi. In generale, è bene evitare quelli con uno spessore inferiore ai 18 cm (ad es. quelli pieghevoli) o superiore a 26 cm. L’ideale è fra i 22 e i 26 cm.
– Sfoderabile: I materassi vanno lavati ed è importante che il materasso sia sfoderabile.
– Certificazione: Acquistare un materasso dal primo che passa non è una buona cosa. Nota le certificazioni di qualità e che ci sia l’indicazione di Presidio Medico Sanitario.
– Antiacaro: Se dovessi avere la sfortuna di beccare una colonia di acari sei finito perché gli acari della polvere si annidano nei letti e danno delle reazioni allergiche molto forti. Cerca quindi un materasso che abbia anche un trattamento sanitario igienizzante antiacaro e antibatterico.

PROVA IL MATERASSO PRIMA DI ACQUISTARLO

Il materasso è come un vestito: vai in camerino e lo provi, non è che lo compri a scatola chiusa. Lo stesso vale per il materasso in negozio: ti ci stendi e lo provi come se fossi a casa. Assumi tutte le posizioni possibili, restaci qualche minuto, e poi mettiti supino e passa la mano dietro la schiena poco sopra i glutei. Se non incontri difficoltà al passaggio allora il materasso è particolarmente rigido, altrimenti è più morbido.

I TIPI DI MATERASSI

A MOLLE: Sono composti da centinaia di molle metalliche avvolte in sacchetti di cotone e sono rigidi ma traspiranti. Sostengono il corpo adagiato sul materasso. È adatto a chi suda molto. Può essere con o senza un piccolo strato di Memory Foam.
Può essere “A molle tradizionali” o “A molle indipendenti”. Quest’ultimo è preferibile perché le molle sono insacchettate una ad una e questo permette un comfort migliore con maggiore traspirazione e ricircolo dell’aria. Il numero di molle è variabile ma in generale la regola è intorno alle 1.500 molle.

MEMORY FOAM: Sapevi che lo ha sviluppato la Nasa per i sedili degli aerei? Il Memory Foam è uno strato di una particolare schiuma di poliuretano che adatta il materasso alla forma del corpo. È “avvolgente”: quando ti alzi resta la tua forma. È adatto a tutte le posizioni, ma è sconsigliato a chi ha un peso importante e a chi soffre il caldo (trattiene l’umidità superficiale a differenza del materasso a molle). In generale, è da evitare con reti in metallo mentre danno il meglio con reti a doghe in faggio.
Lo strato di Memory Foam dovrebbe essere almeno di 5 cm.

51zwbq2ZK9L. AC SL1193

LATTICE: Naturalmente antiacaro e traspirante, è perfetto per chi soffre di allergie alla polvere. È composto da una lastra in lattice (estratto dall’albero della gomma Hevea brasiliensis). Il lattice naturale può essere presente dal 20 al 97%, il resto è schiuma di lattice sintetico: quelli con una percentuale superiore all’85% sono di qualità migliore.
Essendo naturale, richiede una maggiore attenzione perché potrebbe deteriorarsi, una maggiore ventilazione e non adatti a stanze umide o a camere da letto per bambini. Ovviamente non è adatto a chi è allergico al lattice anche se la reazione allergica non è data dal contatto ma dall’inalazione.
È morbido, per questo è sconsigliato per chi pesa più di 90 kg o è abituato a dormire su materassi rigidi. Ok per il caldo.

Consigli

51gntFyozhL. AC SL1100

GOMMA PIUMA (SCHIUMA): È una schiuma poliuretanica ad acqua che una volta solidificata diventa accogliente e resistente. La qualità dipende dalla densità: maggiore densità migliore qualità e resistenza. I prodotti migliori presentano una densità minima 25 Kg./m³ 25, e uno spessore variabile dai 18 ai 20 cm.
Di solito sono i materassi economici ma dipende dalla qualità e non sempre è una cosa buona perché significa materiali scadenti che può portare a poca traspirazione, perdita di rigidità. Può esserci la presenza di composti tossici.

61EIwbM5UXL. AC SL1500

GEL: Ottimi per chi soffre di eccessiva sudorazione e sono stati sviluppati per la prevenzione di problemi da decubito nei pazienti allettati per tempi molto lunghi. Sono realizzati con fasce o colonne di gel disposte una accanto all’altra che permettono di essere traspiranti e di adattarsi alla forma del corpo. È libera da reazioni allergiche, ma non sempre sono adatti a chi ha un peso importante.

614t5OA2 6S. AC SL1500

LANA: Favorisce la traspirazione e assorbe l’umidità. È una fibra tessile tradizionale che però necessita di manutenzione. È raro trovarli in commercio oggi, praticamente non esistono più.

AD ACQUA: Fanno molta scena, soprattutto in alcuni film. Sono realizzati da blocchi sigillati pieni d’acqua. Anche questi sono quasi scomparsi.

81MBnHV0KrL. AC SL1500

COTONE: Composto da diversi strati, può essere accoppiato alla lana o al lattice o con strati particolari come la fibra di cocco.

710rn8tU89L. AC SL1500

COME PULIRE IL MATERASSO

Scegliere sempre un materasso sfoderabile che può essere lavato il lavatrice anche solo una volta l’anno.
I modelli più recenti non hanno bisogno di essere esposti in balcone o sbattuti come in passato: basta togliere lenzuola e coprimaterasso e aprire le finestre ogni giorno.
I materassi in lattice vanno tenuti all’aria per più tempo.

L’ideale, inoltre, sarebbe di ruotarlo testa-piedi almeno ogni due mesi e capovolto due volte l’anno se non è Memory Foam (perché lo strato di MF è presente solo in superficie).

QUANDO CAMBIARLO

Dopo 10 anni qualsiasi materasso pesa circa il doppio di quando è stato acquistato perché nel tempo si sono accumulati polvere, capelli e sudore. Ecco perché sarebbe meglio cambiarlo almeno ogni 10-12 anni. Anche perché con il tempo la sua consistenza non è più quella di una volta.

Consigli

 

Foto: Luisao Pepe (Pixabay). Fonti: Starbene, InMaterassi, LavSystem

© Riproduzione vietata.
Consigli