Si fa presto a dire pizza: Tutti i tipi di Pizza e le caratteristiche

Domanda: Perché alcune pizze sono alte e altre sono basse? Che differenza c’è fra una napoletana e una romana? Insomma, quanti tipi di pizza esistono?

La pizza è amata in tutto il mondo anche perché ognuno può realizzarla aggiungendo gli ingredienti che desidera. In generale, però, ci sono alcuni tipi di base:

Ads
  • Pizza Verace: È la tipica pizza napoletana e la sua lavorazione si basa addirittura nella norma UNI 10791:98. È ufficialmente riconosciuta come specialità tradizionale garantita dell’UE. Di base è una pizza tonda e dai bordi alti (cornicione). Nell’impasto non c’è nessun tipo di grasso, ma solo acqua, farina, lievito e sale. Si cuoce solo nel forno a legna, mai in quello elettrico. Ha due varianti:
    Pizza Marinara (pomodoro, aglio, origano e olio extravergine di oliva)

    Pizza Margherita (pomodoro, mozzarella STG a listelli, mozzarella di bufala campana DOP a cubetti o Fior di latte o Provola affumicata campana, basilico e olio extravergine di oliva)

File:Eq it-na pizza-margherita sep2005 sml.jpg

La Pizza Napoletana (Valerio Capello – Wikipedia)

  • Pizza Siciliana: Ci sono varie versioni:
    – quella di Palermo (u spinchuni): una focaccia morbida con pangrattato, cipolla, caciocavallo e conserva di pomodoro essiccata al sole.
    – quella di Catania: ha uno strato di impasto, tuma ed acciughe sotto sale, dissalate. C’è una variante con patate, salsiccia, broccoli, pepe nero, pomodoro e tuma. Poi c’è un altro strato di impasto, e infornata dopo una spennellata di uovo.

    – quella della provincia di Catania: un calzone fritto a pasta morbida con ripieno di formaggio, acciughe dissalate, funghi porcini e altri ingredienti.
    – quella di Messina (piduni): un piccolo calzone fritto o al forno ripieno di verdure. Poi c’è la focaccia alla messinese con verdure, formaggio, pomodoro e acciughe salate.
    – quella di Ragusa (scacciata): pane farcito con salsa di pomodoro, verdura varia, broccoli, cavolfiori, melanzane, patate, formaggio (come ricotta, tuma o caciocavallo), salsiccia, gamberetti, olive nere.

File:Sfincione.jpg

Lo Sfincione palermitano (Coelum – Wikipedia)

  • Pizza Romana: È una pizza tonda sottile e croccante realizzata con farina tipo 00 o 0, lievito, olio d’oliva e sale. Curiosamente, ha una variante con condimento con pomodoro, mozzarella e alici che si chiama “Napoli”.
  • Pizza Genovese: È in teglia ed ha una pasta ala e morbida realizzata con farina di grano tenero, acqua, sale, lievito di birra e, a volte, un po’ di latte.
  • Pizza Pisana: Ha una pasta di spessore medio ed è condita con grana grattugiato o mozzarella, acciughe e capperi. In alcuni casi viene tagliata in quattro parti e una di queste fette viene ripiegata su se stessa e a suo interno viene inserita una farinata di ceci (cecina).
  • Pizza Marchigiana: Si vende al pezzo e nn a peso. Nell’impasto c’è lo strutto anche se questo si alterna all’olio di oliva. Ci sono quattro varianti: Bianca con il rosmarino, Bianca alla cipolla, Rossa Semplice e Rossa con la mozzarella.
  • Pizza Torinese (“al Tegamino” o “al Padellino”): Ha un impasto a doppia lievitatura e cottura al forno dentro un piccolo tegame.

Le Pizze al tegamino (unit20072007 – Wikipedia)

  • Pizza Milanese (“al trancio”): È alta e morbida e viene cotta in teglia. Il pomodoro non è abbondante, a differenza della mozzarella che invece è molto presente e copre tutta l’area, anche il bordo. L’impasto è fatto con acqua, farina, sale, olio e lievito di birra. Alcuni ci aggiungono anche la patata bollita e poi schiacciata insieme alla farina. Anche se la modalità di vendita è simile, non è da confondere con la pizza al metro o al taglio delle varie pizzerie in giro per l’Italia. Questa pizza è sì al taglio, ma è più alta.
  • Pizza Americana: Il bello della pizza è che può essere modificata in mille modi. Gli chef americani non se lo sono fatto ripetere e hanno fatto tante versioni:
    – Pizza Newyorkese: Ha una crosta grande, densa e croccante, mentre l’interno è sottile. Il condimento di base sono pomodoro e mozzarella grattugiata. Viene venduta a fette e da asporto.
    – Pizza Chicago (Deep-Dish pizza): Ha bordi molto alti e burrosi che vengono riempiti con formaggio, salsa di pomodoro e salsiccia e poi cotto in teglia.
  • Chicago-style pizza.jpg

    La Deep-dish pizza (L. W. Yang da Los Angeles, California, USA – Flickr – Wikipedia)

    – Pan Pizza: Una variante della Pizza Chicago, è famosa perché l’ha inventata la catena Pizza Hut. La differenza è che il fondo è più spesso.
    – Pizza Hawaiana: Ha una base formaggio e pomodoro e condita con pezzi di prosciutto e ananas sciroppato. Tutto nasce da un pizzaiolo canadese ma originario della Grecia, Sam Panopoulos, che nel 1962 si rende conto che la pizza era sconosciuta in Canada: la pizzeria più vicina era a Detroit. E allora si inventa questa pizza aggiungendo un tocco esotico con l’ananas. Un sacrilegio? Dipende, in Australia è la pizza più amata e nel 2015 JustEat ha rivelato che questa era la pizza più diffusa nei menu.

Hawaiian pizza 1.jpg

La Pizza Hawaiana (@joefoodie – Wikipedia)

 

Ok i tipi di pizza, ma come è nata? Chi l’ha inventata? Qual è la storia della pizza? Scoprilo in questo nostro articolo.

 

 

Credit foto: blackstarvideo (Pixabay)

Ads

Start typing and press Enter to search

quootip | back to top