play iconClicca per ascoltare l'articolo.

Domanda: Cerco un po’ di relax ma ci sono tantissimi tipi di massaggio. Ayurvedico, Shiatsu, Californiano, Thailandese, Reiki, quale massaggio scegliere?

Si fa presto a dire “mi faccio un massaggio”. Ci sono tantissimi tipi di massaggio e bisogna capire qual è quello che si preferisce e per quale motivo. Ecco una piccola guida con i principali tipi per decidere quale massaggio scegliere:

Consigli

AYURVEDICO

  • Per chi: Ti dà una mano a non scaricare il nervosismo sul tuo fisico e a mantenere in equilibrio la mente e il corpo.
  • A cosa serve: Diminuisce lo stress, aiuta il sistema immunitario, rallenta l’invecchiamento e migliora la vista. Se viene massaggiato il cuoio capelluto, rinforza i capelli e dà benefici anche contro il mal di testa.
  • Come funziona: Le tecniche sono due: la Pindasweda e il Pizhichil. Con la prima, la pelle viene coperta da una pasta di radici triturate di zenzero, asparago e una pianta indiana mischiata con riso e latte. Poi il corpo viene riscaldato con dei fumenti caldi e successivamente massaggiato.
    Con il Pizhichil, per il massaggio si usa un olio medicato, bollito con erbe medicinali, e si effettuano delle leggere pressioni su tutto il corpo.
THAILANDESE
  • Per chi: Se ti senti stressata, se hai mal di schiena e se soffri di cellulite. Con la digitopressione migliori la circolazione, mentre con le mobilizzazioni puoi correggere posture sbagliate.
  • A cosa serve: Si basa sul presupposto che il corpo sia attraversato da dei meridiani, canali che si collegano agli organi, che diffondono l’energia vitale. Se uno dei meridiani si blocca, sia il corpo che la mente rischiano di ammalarsi. Grazie alla digitopressione, che si effettua con i pollici, si riattivano i centri liberando l’energia.
  • Come funziona: l movimenti sono tre: la digitopressione (si effettua con i pollici che riattivano i meridiani), le compressioni (si fa non con le mani, con le braccia e i piedi sulla schiena, sulle cosce e sulla pancia), la mobilizzazione (viene utilizzata dal massaggiatore per allungare i muscoli e sottoporli a trazione).
SHIATSU
  • Per chi: Sei hai voglia di rilassarti e scrollarti di dosso lo stress. Infatti dà un nuovo impulso al metabolismo dandoti una nuova energia. 
  • A cosa serve: Con la tecnica Masunaga si stimolano i meridiani premendo con le dita, i gomiti, le ginocchia e i piedi. Il massaggio Namikoshi, invece, effettua una serie di pressioni con i polpastrelli.
CALIFORNIANO
  • Per chi: Se ti senti fragile e hai bisogno di coccole, questo è quello che ci vuole, perché i movimenti avvolgono il corpo come un caldo abbraccio.
  • A cosa serve: Allenta la tensione, tonifica i muscoli, stimola la digestione e ti aiuta a espellere le tossine.
  • Come funziona: È un massaggio che riproduce la sensazione di protezione dei genitori. Prevede un’ampia gamma di movimenti, dall’impastamento all’allungamento, dalla pressione al cullamento. 
REIKI
  • Per chi: Vuoi recuperare fiducia in te stessa e vincere lo stress? Questo è il massaggio che fa per te.
  • A cosa serve: Aiuta a combattere la depressione e gli attacchi di panico, regalando un nuovo equilibrio psico-fisico e una nuova armonia.
  • Come funziona: Si appoggiano le mani per 2-3 minuti in tutti i punti dove scorre l’energia. Una volta individuate le zone in cui c’è un problema energetico, il terapeuta mantiene le mani in quei punti per circa 20 minuti. Non ci sono pressioni, ma solo un passaggio di energia che può provocare scariche emotive.

 

Foto: whitesession (Pixabay)

© Riproduzione vietata.
Consigli