Domanda: Viaggio molto per lavoro e spesso mi trovo in bagni dove non è possibile avere una igiene sana. Cosa posso fare?

La pandemia del Covid19 ci ha devastato sotto molti punti di vista, ma ci ha anche messo di fronte a una necessità che prima ignoravano in troppi: l’igiene personale. Molti, infatti, non la curavano, non si lavavano le mani dopo essere andati al bagno e quando si recavano in quelli pubblici, anche i più sporchi, si comportavano come se fossero a casa loro. 

Ora, invece, abbiamo capito che non possiamo ignorarla e per questo la tecnologia ci può aiutare tantissimo. Ad esempio con il bidet portatile! Una soluzione inutile? Mica tanto, solo negli Stati Uniti si consumano circa 36,5 miliardi di rotoli di carta igienica all’anno. Inoltre bisogna considerare che può essere utile per le donne in gravidanza, per i bambini, per chi fa trekking, sport e per chi va spesso all’estero dove i bidet non esistono.

Tutto comincia dal “Sonny”

Come fare quando scappa, e magari si è in un posto in cui non ci si può lavare? La prima idea è venuta all’inventore americano Zack Levinson che ha realizzato il “Sonny”, un tubo di alluminio anodizzato di 22 centimetri di altezza per 4 di larghezza che contiene solo acqua (ricaricabile). Di base funziona a batteria e si può utilizzare circa 20 volte: l’acqua nebulizzata dura fra i 25 e i 40 secondi e permette una pulizia corretta. Si tratta di un bidet portatile che può essere facilmente utilizzato ovunque.
Il Sonny parte da un progetto in crowdfunding che ha visto partecipare 8.500 investitori che hanno finanziato circa 950 mila dollari per farlo realizzare e per averlo. Il costo è di 90 dollari.

I bidet portatili già disponibili sul mercato

Il Sonny è anche un oggetto di design, ma al momento ci sono già tanti bidet portatili che possono essere utilissimi. E non costano neanche tanto:

Lifeicomall

➡ Bottiglia da 450 ml di capacità con un ugello lungo 17,8 centimetri per uno spruzzo più ampio. La bottiglia è di gomma ed è facile da pulire.

Perché sì: Igiene sublime

HappyPo

La confezione è da 300 ml ed è disponibile in molti colori. La dimensione è tipo quella di uno spazzolino da denti.

Perché sì: Originale e funzionale
«Ho acquistato il prodotto per curiosità e devo dire che sono rimasta soddisfatta. Il meccanismo di funzionamento è semplice eppure funzionale, e dunque quando si è in viaggio all’estero grazie a questo prodotto si può migliorare la comodità portando un po’ del comfort della routine quotidiana».

Wami

➡ È elettrico e questo permette due potenze di spruzzo, Leggero o Forte, a seconda dell’esigenza. Permette di inclinarlo anche di 180 gradi ed è lungo appena 16 centimetri quindi può essere portato ovunque. Ha una capienza di 140 ml.

Perché sì: Utile veramente

Hello Bidet

➡ Si tratta di un piccolo rubinetto con un filo. Si attacca al rubinetto del lavandino e grazie al cavo estensibile permette di avere un bidet anche dove non c’è. Non è comodissimo come gli altri che possono essere usati anche in giro, questo necessita di un bagno con lavandino.

Perché sì: Consigliatissimo

MWOOT

➡ A parte quello di Hello Bidet, tutti gli altri sono dei serbatoi portatili di acqua con un ugello dove dirottare il getto d’acqua. La MWOOT ha bypassato il problema: ha realizzato un ugello che può essere attaccato a qualsiasi bottiglia di acqua. 

Perché sì: Praticità e leggerezza
«Discreta soluzione per un bidet veloce e di accettabile efficacia.Utile per i viaggi in Nazioni che non usano il bidet nelle stanze d’albergo anche a 5 stelle».

 

Credit foto: HappyPo (Amazon)

quootip | back to top