PAMELA PRATI: «Il mondo dello spettacolo è falsità e zero solidarietà. Vince chi è spietato»

È stato il caso che ha fatto parlare l’Italia per settimane nell’estate del 2019, quando ancora non si parlava solo di Covid, di vaccini ecc. Fu il caso di Pamela Prati e del suo finto matrimonio con Mark Caltagirone che però a un certo punto diventò più un fatto di altri che non suo. Nei vari talk show, infatti, molti “esperti di gossip” parlarono per ore di lei, di Pamela Perricciolo e di Eliana Michelazzo. E lei?

Ads

Lei niente, dopo i primi giorni dallo scoppio dello scandalo si chiuse in silenzio salvo poi tornare a parlare solo tramite il suo libro pubblicato a maggio 2020, “Come una carezza”:

Come una carezza di [Pamela Prati]

Un libro che è stato apprezzato viste anche le recensioni su Amazon dove ha una media di 4 stelle su 5 e la maggioranza delle recensioni sono entusiaste.

IL RITORNO CON TANTI PROGETTI

Ora, dopo un lungo silenzio, tempo fa è tornata a parlare sulle pagine di “Chi”, rivelando di essere uscita dal suo personale lockdown e di avere tanti progetti in cantiere:

Ads

«Io sono corteggiatissima. Ma in questo momento sto bene da sola. Non ho l’esigenza di avere un compagno. Ho il cuore aperto e non precludo nulla. Ma ho bisogno di sentirlo “battere” questo amore»

Oltre all’apertura di un blog di cucina, a un secondo libro in cui racconterà tutta la storia con Mark Caltagirone e a un film verità sul tema, Pamela ha annunciato il suo impegno come Presidente di una associazione che cura chi è stato truffato in amore, come lei si reputa essere. Una vittima delle truffe d’amore che purtroppo colpiscono sempre più persone, più o meno sole, che per il loro bisogno di amore si ritrovano ad essere dei bersagli ideali.
La Prati si considera tale, una vittima, e «quello che mi hanno fatto, ha lasciato ferite. Ho rinunciato a tantissimi soldi per riavere la mia libertà». E specifica:

«Ho solo acceso una luce su un argomento, come le truffe d’amore, e ne ho pagato le conseguenze. Io ho subìto, io sono una vittima e le vittime dovrebbero essere comprese. Invece per gli ascolti, per la legge a volte diabolica della tv… la vittima viene calpestata. Come lo sono stata io e non lo meritavo».

Il libro che sta scrivendo sarà pieno di particolari, lei racconterà tutto senza filtri ma sarà soprattutto un libro di denuncia per le truffe affettive che colpiscono i più fragili, persone che pensano di aver trovato l’amore (sui social o meno) e che invece si ritrovano ad essere raggirate perché toccate proprio nel punto debole: la mancanza di amore.
Un problema serio che va affrontato seriamente: leggi il nostro articolo sul come difenderti dalle truffe sentimentali e non cadere in questa trappola.

IL MONDO DELLO SPETTACOLO È SPIETATO

Ai tempi del Prati-gate, tutti i talk show e le riviste di gossip parlarono di lei e del suo fantomatico matrimonio. Ricapitolando. Nella primavera del 2019 la Prati andrò spesso in tv (da “Verissimo” a “Pomeriggio Cinque”) per annunciare le sue nozze con un tale Mark Caltagirone. Qualche giorno prima delle presunte nozze, però, Dagospia iniziò ad insinuare il dubbio che poi divenne certezza: era tutto finto. Iniziò un caos mediatico fra lei e le sue manager di allora. Ogni giorno c’erano interviste, retroscena, tutti a cercare “lo scoop” tranne “Chi l’ha visto?” di Federica Sciarelli che invece puntò proprio sulle truffe affettive di cui si era occupata spesso anche in passato.

Ads

«Ho subito un massacro mediatico e personale soprattutto da molti miei colleghi che mi hanno abbandonato. L’adorato mondo dello spettacolo è solo falsità e zero solidarietà. Vince solo chi è spietato. E io non lo sono e non lo sarò mai»

Anche per questo ha atteso che il caos si spegnesse per tornare a parlare ora con l’intervista, il libro e il film.
È vero che chi allora si fece un’idea sulla vicenda, oggi non la cambierà, ma è un bene ascoltare anche la versione di Pamela e, soprattutto, è bene che si torni a parlare di truffe sentimentali che colpiscono tantissime persone con conseguenze disastrose che vanno dalla perdita della dignità e dei soldi al suicidio.

 

Ads

Start typing and press Enter to search

quootip | back to top