Domanda: Ho paura di essere bocciato, ma ho sentito che molti vip sono stati bocciati a scuola, quali sono?

Migliaia di ragazzi italiani stanno facendo l’esame di maturità e tantissimi altri la affronteranno nei prossimi anni. A spaventare è la bocciatura, il fatto di dover ripetere l’anno. Per la verità, questa è una paura che hanno tutti gli studenti anche più piccoli o più grandi all’università perché essere bocciati a scuola comporta una serie di problematiche: perdi i compagni di classe con cui hai passato gli ultimi anni, ti tocca risentire le stesse lezioni e argomenti già sentiti l’anno prima, devi affrontare la furia dei genitori e le risatine degli amici che invece sono passati. Insomma, hai voglia a dire “il fallimento è l’inizio della crescita”, a quell’età la bocciatura è molto più del rifare l’anno.

IL FALLIMENTO È L’INIZIO DELLA CRESCITA: I VIP BOCCIATI A SCUOLA

E invece ti diremo proprio così, il fallimento è l’inizio della crescita. Te lo diciamo perché è vero, a patto che non scegli di cadere ancora più giù, ma scegli invece di reagire. Lo dice anche Caparezza, alla fine ciò che conta sono le scelte che fai.
Di certo ci sono tanti vip che sono un esempio perfetto per dimostrarti che essere bocciati a scuola non è la fine:

ALBERTO ANGELA
Il divulgatore scientifico più amato della tv è paleontologo, scrittore e giornalista, ma in passato è stato bocciato in quinta elementare. Lo ha rivelato suo padre Piero a “Cartabianca”:

«Ad Alberto la bocciatura è bruciata molto, ma gli ha innescato una spirale virtuosa»

Alberto Angela

Alberto Angela

TULLIO DE MAURO
Professore universitario e ministro della Pubblica Istruzione nel 2000 fu bocciato all’esame di quinta ginnasio, come ha ricordato a “Repubblica”:

«Mi servì a capire quanto le interrogazioni orali fossero squilibrate: bastava una smorfia facciale per precipitare l’alunno in uno stato confusionale. Quando decisi di fare l’insegnante, presi l’impegno di assegnare sempre tesine scritte»

Tullio De Mauro

ANTONIO CASSANO
Addirittura vanta sei bocciature tra elementari e medie.

«Avevo due in tutte le materie. Un risultato straordinario, ottenuto grazie a un impegno costante. Sono stato bocciato sei volte, tra elementari e medie»

Antonio Cassano

Antonio Cassano

CARLO VERDONE
È stato bocciato all’esame di Storia del Cinema dal padre Mario, professore universitario. Un trauma doppio: bocciatura e, per di più, da suo padre che però poi a casa si giustificò:

«Scusami, ma non mi garbava far vedere che promuovevo il mi’ figliolo, però quello che ti ho chiesto non l’avevi studiato, la prossima volta fallo»

Carlo Verdone

Carlo Verdone

UMBERTO VERONESI
Il grande oncologia di fama mondiale non fu un liceale brillante visto che fu bocciato due volte, in seconda ginnasio e in prima liceo. Il perché lo rivelò a “Repubblica”:

«Rispetto ai compiti il mio atteggiamento era molto lineare: semplicemente non li facevo. Va detto però che la scuola di allora era molto dura e punitiva, in linea con il regime fascista»

Umberto Veronesi 2.jpg

Umberto Veronesi

PIERFRANCESCO FAVINO
Così a “Repubblica” ha ricordato i tempi della scuola:

«Ero una schiappa. Mi hanno anche bocciato. Studiavo solo quello che mi piaceva. Era la classica ribellione a un padre rigido»

Pierfrancesco Favino

ALICE RACHELE ARLANCH
La Miss Italia 2017 è stata bocciata in prima ginnasio. Lo ha ricordato a “Oggi”:

«A 13 anni ho avuto il mio periodo di ribellione, me ne infischiavo di tutto. Piuttosto che studiare preferivo farmi le unghie. Per me è stata una tragedia, soprattutto perché ho capito quanto ho deluso i miei. Ma questo errore mi ha fatto maturare. Da allora ho messo la testa a posto e ho cominciato a studiare seriamente»

Alice Rachele Arlanch

Alice Rachele Arlanch

NANNI MORETTI
È considerato uno dei totem della cultura italiana, eppure, anche lui fu bocciato:

«Non andavo molto bene a scuola in quarta ginnasio fui bocciato, poi mi presentai all’esame di maturità da privatista e presi un immeritatissimo 58/60»

Nanni Moretti

Nanni Moretti

FIORELLO
È stato bocciato tre volte e per diplomarsi ci ha messo 8 anni. Memorabile il suo racconto della maturità:

«Con l’aiuto di qualche pizzino avevo superato gli scritti, ma agli orali non sono riuscito a mentire: ho guardato la commissione negli occhi e ho confessato di non aver studiato niente. Se potessi tornare indietro l’esame lo farei e cercherei di prendere anche un bel voto»

Fiorello

Fiorello

 

 

Foto: albertoangelarai1 (Instagram), Presidenza della Repubblica (wikipedia), alessioalbesano (Instagram), carloverdone (Instagram), Ra94 (wikipedia), pierfrancescofavino (Instagram), alicerachelearlanch (Instagram), nannimoretti_ (Instagram), Fiorello (Twitter)

quootip | back to top